Quei " ragazzi " della Serie C...

 

Con la partita di sabato ( persa 11 – 0 contro il Sala Baganza ) si è concluso il campionato dello Junior Parma in Serie C. Un campionato che lascia i “ragazzi” di via Parigi con cinque vittorie e sei sconfitte, con qualche breitling replica rammarico per un paio di partite perse all'ultimo, con la soddisfazione di averne vinte alcune in maniera esemplare e mostrando grande tenacia ( in più occasioni sono stati recuperati grandi svantaggi di punteggio). Per qualcuno “ quest'anno è andato meglio di quello precedente “, e su questo non ci piove, anche se la vera debolezza è stato il monte di lancio, dove l'assenza di lanciatori “ di ruolo “ si è fatta sentire in alcune occasioni : è il caso di La Rocca ( buon lanciatore venuto dal Sala Baganza ) e Melegari, entrambi impossibilitati nel lanciare causa infortunio, che avrebbero sicuramente dato una marcia in più ad una squadra tecnicamente molto valida in difesa e nel box di battuta. Per cercare di rimpiazzare si è scelto di impiegare giocatori non usuali per lanciare o con pochi inning nel braccio, chiedendo magari un sacrificio in più, com'è accaduto con Bedodi e Vignali ( quest'ultimo è arrivato a tirare addirittura una partita intera ).

Al di là degli aspetti tecnici, è importante soffermarsi sullo spirito che ha caratterizzato il gruppo, poiché è questo il vero punto di forza della nostra Serie C. Come negli anni precedenti, vedere allenarsi e giocare questi “ragazzi” vuol dire vedere la passione per il gioco prendere forma, quella passione che magari manca o è minima in tante altre categorie. Si ha la sensazione che questa squadra sia apprezzata anche dagli avversari, probabilmente per la correttezza sul campo da gioco, magari per la simpatia, o forse per gli invidiabili “terzi tempi” a fine partite, dove una mangiata insieme non fa mai male. Un bel gruppo, insomma, capace di accogliere chiunque e farlo sentire subito a casa, come nel recente caso di Nicolò Mordacci, giovanissimo giocatore dell'Under18 che ha disputato le due ultime orologi replica partite del campionato di Serie C con delle buone prestazioni, il quale non ha assolutamente faticato ad integrarsi, grazie all'atmosfera familiare che l'ha accolto. In tutto questo sono fondamentali gli aiuti dei dirigenti accompagnatori e dello staff medico che supportano e seguono il gruppo sia dentro che fuori dal campo, e ci mettono il cuore nel farlo ( Luigi Bedodi, Ernaldo Melegari, Paola Mutti, Carla They ).

Sarebbero tante altre le cose positive da raccontare su questa squadra ma si rischierebbe di risultare noiosi. Basta, forse,guardare una foto che li ritrae, questi “ragazzi”, per vedere che dal punto di vista del divertimento non ci sono differenze rispetto ad una rolex replica squadra di ragazzini : e lì risulta scontato chiamare anche loro “ragazzi”, magari senza le virgolette...

orologi replica svizzere
orologi replica italia
orologi replica di lusso svizzeri
orologi replica sito affidabile

 

 

 

Banca Monte Parma