Il girone di ritorno comincia con un pareggio per lo Junior Parma, che impegnato sul campo dell’Avigliana è ritornato a casa con una vittoria di misura per 1-2 in gara1 e con una sconfitta per 8-7 nella partita del pomeriggio.

Senza ombra di dubbio le partite di domenica sono state l’una complementare dell’altra, per il semplice fatto che mentre al mattino la difesa ha svolto il solito lavoro a sostegno di Francesco Corsaro (complete game per lui, un’altra prova di esperienza e tenacia sul monte) ma non si è riusciti a concretizzare troppo nel box di battuta, nella gara pomeridiana le difficoltà sono emerse principalmente nelle riprese difensive, in opposto ad un attacco ben più aggressivo e in partita. Alcuni errori di troppo e l’assenza di alcuni titolari possono aver contribuito alla sconfitta di gara2, anche se il tentato recupero all’ottavo inning con due punti che hanno diminuito nettamente lo svantaggio deve essere letto come un segnale positivo in una partita che sicuramente non è finita come si sperava.

Di un parere simile è anche Davide Montanari, lanciatore alla sua prima stagione in Serie B che in gara2 ha rilevato con successo il compagno di reparto Casalini, infondendo di fatto forza alla squadra nell’ultima parte di partita. Nel tracciare un rapido resoconto del campionato fino ad ora, è lo stesso lanciatore ad ammettere che «nelle ultime partite ci siamo trovati più volte in difficoltà in quelle del pomeriggio, probabilmente perché non impieghiamo la stessa grinta del mattino e arriviamo più “stanchi”… Abbiamo formato davvero un bel gruppo quest’anno, anche se in generale dobbiamo lavorare ancora sull’attitudine con le squadre che reputiamo meno forti di noi perché è proprio con queste che alla fine giochiamo partite non perfette o sotto pressione».

Nonostante qualche piccolo inciampo fino ad ora, lo Junior si trova sempre collocato al secondo posto in classifica e sarà proprio domenica prossima che avrà luogo la sfida al vertice contro il Poviglio capolista.